Trasferimento del sito completato!

gennaio 1st, 2014 | Posted by Marco Plessi in Newsblog | Visite: 2.778

Completato il trasferimento dal vecchio portale al nuovo (www.tecnovolt.it) !!   Breve monologo sui due cms più diffusi: Joomla! e WordPress.

Dopo tanto tempo passato su Altervista (che ringrazio calorosamente per il supporto offerto, in quanto i miei primi esperimenti da webmaster sono partiti da li, e lo consiglio vivamente a chi vuole iniziare una carriera sul web), ho pensato fosse il momento di acquistare un dominio di secondo livello.

Il mio primo sito è stato marcolindo94.altervista.org, che era semplicemente formato da pagine HTML linkate, solo successivamente ho installato un cms NON basato su database (cmsimple). Quindi ho aperto tecnovolt.altervista.org, molto più serio, e stavolta ho installato Joomla!, iniziando così la vera carriera da webmaster. E adesso sono qui, su tecnovolt.it, il mio dominio di secondo livello.

E così, dopo aver acquistato il dominio, ho iniziato ad organizzare il trasferimento dei contenuti, il quale si è rivelato un po’ problematico, ma niente di che.

Mentre trasferivo i file in ftp però, ha iniziato a nascere nella mia mente l’idea di provare un nuovo CMS: WordPress.

WordPress l’avevo già provato in precedenza, solo per vedere un po’ come funzionava rispetto a Joomla, ma lo abbandonai dopo poche ore, in quanto mi sembrava troppo macchinoso.

Adesso invece ho completamente ribaltato la mia opinione, in quanto penso che Joomla! sia molto adatto per siti aziendali, in cui le categorie sono fisse (sempre quelle) e si aggiungono nuove pagine solo di rado (ad esempio quando l’azienda realizza un nuovo prodotto), mettendole in evidenza sulla home. Questo è proprio il principale problema, infatti è un sistema molto macchinoso dover sempre mettere in evidenza gli articoli nuovi e togliere quelli meno recenti. Sistema adatto per un azienda, ma non per un blog.

Di tutto ciò me ne sono accorto appena acquistato il dominio, infatti su www.tecnovolt.it inizialmente avevo installato Joomla, poi l’avevo messo in una sotto directory per provare WordPress.

Dopo alcune prove, personalizzazioni ecc… la cartella in cui avevo temporaneamente riposto Joomla, l’ho volutamente eliminata, tenendo solo WordPress come cms per il mio blog.

WordPress è molto più flessibile dal punto di vista delle categorie, dei tag e dell’organizzazione della home e del blog in generale.

L’unico problema per chi realizza un blog con WordPress ed è alle prime armi con il web design (o non ha mai visto HTML e PHP) può essere dovuto dal fatto che per modificare alcune semplici cose (che con Joomla bastava cliccare un po’ sul pannello di controllo) bisogna necessariamente mettere mano al codice. Apparente difetto, perché per modificare cose più complesse, anche su Joomla è necessario mettere mano al codice, quindi tanto vale impararselo questo html e php (non sono necessarie conoscenze approfondite).

Altra differenza: la multicategoria, cosa NON supportata da Joomla (solo con componenti aggiuntivi) ma anche superflua, in quanto un azienda ha bisogno di categorie ben distinte: i prodotti sono prodotti e non servizi.

WordPress la supporta nativamente, come supporta nativamente anche i tag.

Di queste sottili differenze ce ne sono diverse, ma io non ne menziono più.

Con questo breve articolo di introduzione al nuovo portale non voglio prendere la parte di uno dell’altro cms, semplicemente sono diversi.

Joomla! è più adatto per siti web abbastanza statici, siti di aziende o comunque artigiani, o anche e-commerce.

WordPress è più adatto per i blog, siti molto dinamici, che possono anche cambiare totalmente la veste grafica nel giro di pochi mesi (non sarà il mio caso : D ).

Nessuno dei due è MEGLIO dell’altro, sono semplicemente due cms DIVERSI.

 

banner_licenza_cc-by-nc-nd-3-0-it

You can follow any responses to this entry through the RSS 2.0 You can leave a response, or trackback.

2 Responses

  • Roberto says:

    Simpatico ed elettrizzante logo. Mi chiedevo se ciò che sovrasta, lo sfondo nero ricoperto da tanti ellissi azzurri, ha a che fare con i bit oppure con gli elettroni. Oppure con nessuno dei due.
    Vista la data di questo commento mi viene naturale fare un augurio:
    Buon 2014



Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Name the Author      
 

* Privacy Policy GDPR

*

Accetto